LO STATUTO

Consulta lo Statuto dell'Associazione...e iscriviti!!

Download Statuto

TITOLO I

Denominazione - Sede

Art. 1
(Denominazione e Sede)

E' costituita l'associazione denominata "WeLoveFreak".
L'ubicazione della sede è a Bologna, attualmente in Via Michelino n. 67; un'eventuale trasferimento della sede o l’istituzione di una sede secondaria non prevede modifica allo Statuto.

Art. 2
(Durata)

L'associazione ha durata illimitata e potrà essere sciolta con deliberazione dell'Assemblea straordinaria.

TITOLO II

Scopo - Finalità

Art. 3
(Scopo – Finalità)

L'associazione è senza scopo di lucro ed opera senza discriminazione di nazionalità, politica o religiosa; essa si propone di contribuire alla diffusione e divulgazione del patrimonio culturale di Roberto “Freak” Antoni, nonché allo studio e alla realizzazione di progetti sulle culture alternative ed in particolare, con riferimento a quella controcultura che si è sviluppata nella città di Bologna tra gli anno 1975 e 1985 e che ha coinvolto, trasversalmente, i diversi ambiti artistici della città intera e che ha avuto, quale emblema indiscusso, la figura di Roberto Freak Antoni.
A tal fine, l'associazione si predispone per svolgere qualsiasi attività ritenga necessaria al perseguimento degli scopi istituzionali di cui sopra, con particolare attenzione a:
a) sviluppare l'utilizzo di reti telematiche e degli strumenti di comunicazione di massa, come news-group, mailing-list, forum, social-network e pubblicazioni;
b) preparare e diffondere materiale informativo atto a stimolare l'avanzamento nella società delle culture alternative;
c) formare gruppi di esperti in grado di operare nei vari settori dell'Information Tecnology;
d) partecipare come associazione a convegni, seminari, corsi e manifestazioni, anche internazionali, intesi come strumento di formazione e valorizzazione del patrimonio culturale di Roberto “Freak” Antoni e) collaborare con i media nazionali ed internazionali;
f) quant'altro conducente al raggiungimento del fine associativo, come ad esempio stipulare convenzioni con enti pubblici o privati fornendo tutte le garanzie richieste per il raggiungimento dello scopo sociale;
g) accedere, ove lo ritenga necessario, a finanziamenti pubblici o privati fornendo tutte le garanzie richieste per il raggiungimento dello scopo sociale.
L'Associazione ha facoltà di organizzare, anche in collaborazione con altri enti, società e associazioni, manifestazioni culturali connesse alla propria attività, purché tali manifestazioni non siano in contrasto con l'oggetto sociale, con il presente Statuto o con l'Atto costitutivo.
Le attività di cui sopra sono svolte dall'Associazione prevalentemente tramite le prestazioni fornite dai propri aderenti.

TITOLO III

Soci e Sostenitori

Art. 4
(Composizione dell'Associazione)

Sono previsti due tipi di associati:
Soci (Funcoolers);
Sostenitori (Dementi Rilevanti).
Sono “Soci” le persone fisiche, giuridiche o enti, la cui domanda di ammissione è stata accettata dal Consiglio direttivo e che verseranno, all'atto dell'ammissione, la quota di associazione stabilita nei modi e nei termini descritti all'art. 11 del presente Statuto.
I Soci hanno diritto di voto nell'Assemblea dei soci.
Sono “Sostenitori” le persone fisiche, giuridiche o enti, che, scelti dal Consiglio direttivo per meriti accademici o professionali inerenti agli interessi dell’Associazione, forniranno direttamente o indirettamente supporto o contributi alle attività dell’Associazione.
I Dementi Rilevanti possono partecipare alle Assemblee dei Soci senza diritto di voto e possono ricoprire incarichi e/o rappresentare l’Associazione nelle sue attività esterne.

Art. 5
(Criteri di ammissione)

Per ottenere la qualifica di Socio, ogni aspirante deve presentare domanda firmata su apposito modulo, consegnandola direttamente, oppure inviandola a mezzo posta e/o email, al Consiglio direttivo dell'Associazione, la ricevuta di versamento sarà presentata dopo aver ricevuto la comunicazione di ammissione. Per la decorrenza dei termini, fa fede la data di consegna della domanda.
Il Consiglio direttivo deve esprimersi in merito alla domanda di ammissione entro 90 giorni dalla data di presentazione della stessa.
Il Consiglio direttivo propone l'ammissione dei Sostenitori all'Assemblea dei Soci che si esprime a maggioranza dei 2/3.
L’eventuale rigetto della domanda dovrà essere motivato e l’aspirante socio potrà ricorrere alla prima assemblea indetta.

Art. 6
(Diritti dei Soci e dei Sostenitori)
Tutti i Soci e i Sostenitori hanno diritto di accesso alle manifestazioni eventualmente organizzate dall'Associazione, e, in generale, a tutte le iniziative di cui l'Associazione si fa promotrice.
I Soci hanno diritto di partecipazione alle assemblee, con diritto di parola e di voto.
I Sostenitori hanno diritto di partecipazione alle assemblee, con diritto di parola.

Art. 7
(Doveri dei Soci e dei Sostenitori)
Ciascun Socio o Sostenitore deve:
a) rispettare le norme contenute nell'Atto Costitutivo, nello Statuto, negli eventuali Regolamenti interni ed in tutte le deliberazioni dell'Assemblea dei Soci e/o del Consiglio direttivo;
b) tenere una condotta irreprensibile ed evitare qualsiasi comportamento che possa gettare discredito sull'Associazione e/o sui suoi rappresentati;
c) pagare la quota sociale stabilita annualmente, entro il termine stabilito dal Consiglio direttivo, con esclusione dei Sostenitori, i quali potranno contribuire liberamente, anche mediante prestazione d'opera;
d) cooperare per il raggiungimento delle finalità per cui l'Associazione si è costituita, sotto il coordinamento del Consiglio direttivo.
I Soci ed i Sostenitori, aderendo all'Associazione, accettano lo Statuto e gli eventuali Regolamenti.

Art. 8
(Perdita della qualità di Socio o di Sostenitore)
La qualità di “Socio” si perde per decesso, recesso, morosità o esclusione.
La morosità verrà dichiarata dal Consiglio direttivo.
Le dimissioni da socio dovranno essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo con la restituzione della tessera sociale ed hanno effetto a partire dalla annotazione sul libro soci.
L’esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio o del sostenitore:
che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, degli eventuali regolamenti e delle deliberazioni adottate dagli organi dell’Associazione;
che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell’Associazione;
che, in qualunque modo, arrechi o possa arrecare gravi danni, anche morali, all’Associazione.
Successivamente il provvedimento del Consiglio Direttivo dovrà essere ratificato dalla prima assemblea ordinaria che sarà convocata. Nel corso di tale assemblea, alla quale deve essere convocato il socio interessato, si procederà in contraddittorio con l'interessato ad una disamina degli addebiti.
L’esclusione diventa operante dalla annotazione nel libro soci.
Il mancato pagamento della quota associativa annuale entro due mesi decorrenti dall’inizio dell’esercizio sociale comporta l’automatica decadenza del socio senza necessità di alcuna formalità.

Art. 9
(delibera esclusione Socio)
Le deliberazioni prese in materia di esclusione devono essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera.
I soci receduti, decaduti od esclusi non hanno diritto al rimborso del contributo associativo annuale versato.

TITOLO IV

Risorse economiche – Fondo Comune

Art. 10
(Risorse dell'Associazione)
Le risorse economiche e finanziarie atte al funzionamento e svolgimento dell'attività dell'Associazione derivano da:
a) quote e contributi degli associati;
b) contributi di privati;
c) quote associative;
d) contributi dello Stato, delle regioni, di enti locali, di Istituzioni o di enti pubblici finalizzati al sostegno di attività, programmi o progetti riconducibili al patrimonio culturale di Roberto “Freak” Antoni;
e) contributi dell’Unione europea e di organismi internazionali;
f) dai beni che diverranno di proprietà dell'Associazione;
g) da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
h) da eventuali erogazioni, eredità, donazioni e legati.
i) entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, per esempio: spettacoli di intrattenimento, attività ludiche quali feste, gite, sottoscrizioni anche a premi;
l) altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione sociale.
ll fondo comune, costituito – a titolo esemplificativo e non esaustivo – da avanzi di gestione, fondi, riserve e tutti i beni acquisiti a qualsiasi titolo dall’Associazione, non è mai ripartibile fra i soci durante la vita dell'associazione né all'atto del suo scioglimento.
E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto o differito, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.
L’Associazione ha l’obbligo di reinvestire l’eventuale avanzo di gestione a favore di attività istituzionali statutariamente previste.

Art. 11
(Quota associativa)
L'entità della quota associativa è definita annualmente dal Consiglio direttivo dell'Associazione tenuto conto del programma di attività previsto per l'anno immediatamente successivo, approvata dall'Assemblea dei Soci e comunicata per iscritto ai Soci medesimi; trascorsi 30 giorni dal termine di pagamento il Segretario invia un sollecito di pagamento ai Soci che non hanno rinnovato nei termini la quota associativa; in caso di ritardo inferiore a 30 giorni nel pagamento della quota associativa, nessuna mora verrà applicata; in caso di ritardo maggiore di 30 giorni ma inferiore a 60 giorni nel pagamento della quota associativa, verrà applicata la mora decisa dal Consiglio direttivo; in caso di ritardo maggiore di 60 giorni si attiverà la procedura di esclusione del Socio di cui all'art. 8 del presente Statuto.
In ogni caso la quota associativa è intrasmissibile.

Art. 12
(Esercizio sociale)
L'esercizio sociale si chiude al 31 dicembre di ogni anno.
Il Consiglio Direttivo deve predisporre il bilancio o il rendiconto economico-finanziario da presentare all’Assemblea degli associati.
Il bilancio o il rendiconto economico-finanziario deve essere approvato dall’Assemblea degli associati entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

TITOLO V

Organi Sociali

Art. 13
(Organi dell'Associazione)
Gli organi dell'Associazione sono:
a) l'Assemblea dei Soci;
b) il Consiglio direttivo.
In caso di necessità, l'Assemblea provvederà a nominare un Collegio di revisori dei conti o un revisore unico, una giunta esecutiva, e, in generale, qualsiasi altro Organo esecutivo od operativo utile al perseguimento degli scopi istituzionali.

Art. 14
(Assemblee)
L’assemblea generale dei soci è il massimo organo deliberativo dell’Associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie.
Essa è l’organo sovrano dell’Associazione e all’attuazione delle decisioni da essa assunte provvede il Consiglio Direttivo.

Art. 15
(Funzionamento dell'Assemblea dei Soci)
L'Assemblea dei Soci è costituita dalla totalità dei Soci iscritti da almeno 3 mesi ed in regola con il pagamento della quota annuale associativa.
L’assemblea, di norma, è considerata straordinaria quando si riunisce per deliberare sulle modificazioni dello Statuto e sullo scioglimento dell’Associazione nominando i liquidatori.
I Soci sono convocati in Assemblea dal Consiglio direttivo almeno 15 giorni prima e almeno una volta all'anno entro il 30 aprile, mediante comunicazione dell'avviso di convocazione contenente l'ordine del giorno.
L'Assemblea dei Soci può essere convocata su apposita richiesta formulata da almeno un decimo dei suoi membri.
E' possibile tenere le riunioni dell'assemblea, con intervenuti dislocati in più luoghi, contigui o distanti, collegati in audio conferenza o audio-video conferenza, purché siano indicati nell'avviso di convocazione i luoghi audio/video collegati a cura dell’associazione, nei quali gli intervenuti potranno affluire, dovendosi ritenere svolta la riunione nel luogo ove saranno presenti il Presidente ed il soggetto verbalizzante.
In prima convocazione l’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, e’ regolarmente costituita quando siano presenti o rappresentati almeno la metà più uno degli associati con diritto di voto.
In seconda convocazione, l’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, e’ regolarmente costituita qualunque sia il numero degli associati con diritto di voto intervenuti o rappresentati.
L'Assemblea delibera, a maggioranza assoluta dei suoi membri (50%+1) in prima convocazione, a maggioranza relativa in seconda convocazione salvo che sullo scioglimento dell’Associazione, per il quale occorrerà il voto favorevole dei tre quarti degli associati.
Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio e in quelle che riguardano la loro responsabilità gli amministratori non hanno voto.
Per il computo delle maggioranze, si tiene conto dei Soci di volta in volta intervenuti in Assemblea.
Non possono votare i Soci minorenni.

Art. 16
(Poteri dell'Assemblea Ordinaria)
L’Assemblea ordinaria delibera su tutti gli oggetti attinenti alla gestione dell’Associazione riservati alla sua competenza dal presente statuto e su qualsiasi proposta venga presentata alla sua attenzione che non sia però di pertinenza dell’Assemblea straordinaria.
In particolare sono compiti dell’Assemblea ordinaria:
a) eleggere i membri del Consiglio direttivo
b) approvare il bilancio annuale
c) indicare al Consiglio direttivo le linee generali di indirizzo per la programmazione delle attività dell'Associazione
d) ratificare le proposte del Consiglio direttivo
e) deliberare in merito al rigetto della domanda e all'esclusione dei Soci di cui all'art. 8 del presente Statuto>

Consiglio direttivo

Art. 17
(Funzionamento del Consiglio direttivo)
L'Associazione è amministrata da un Consiglio direttivo (Pistoni Roventi) composto da un minimo di tre Consiglieri fino ad un massimo di cinque, eletti dall'Assemblea dei Soci per la durata di tre anni. Il numero dei membri è determinato dall'Assemblea.
In caso di dimissioni, esclusione o decesso di un Consigliere, il Consiglio provvede a sostituirlo nominando il primo fra i non eletti in sede di assemblea per il rinnovo delle cariche sociali, che rimane in carica fino allo scadere dell'intero Consiglio, previa ratifica da parte dell’Assemblea dei soci immediatamente successiva.
Il Consiglio delibera a maggioranza assoluta dei suoi membri.
La seduta è valida se alle riunioni del Consiglio è presente la maggioranza dei Consiglieri.
In caso di parità, il voto del Presidente vale doppio.
Il Consiglio nomina a maggioranza assoluta dei suoi membri il proprio Presidente, al quale spetta la rappresentanza e la firma legale dell’Associazione.
Il Presidente è coadiuvato da un Segretario nominato dal Presidente.
Il Consiglio direttivo si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga utile o necessario, o che ne sia fatta richiesta da almeno due Consiglieri, o, comunque, almeno una volta all'anno per deliberare in ordine al bilancio consuntivo e preventivo e all'ammontare della quota sociale.
Delle riunioni del Consiglio verrà redatto, su apposito libro, il verbale, che verrà sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.

Art. 18
(Poteri del Consiglio direttivo)
Il Consiglio è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell'Associazione.
Spetta, pertanto, a titolo esemplificativo, al Consiglio:
a) curare l’esecuzione delle deliberazioni assembleari;
b) redigere il bilancio o il rendiconto economico – finanziario;
c) redigere i programmi dell'attività da svolgere;
d) redigere i progetti per l'impiego degli avanzi di gestione;
e) predisporre gli eventuali regolamenti interni;
f) stipulare gli atti e contratti inerenti all’attività sociale;
g) deliberare circa il recesso e l'esclusione degli associati;
h) nominare i dipendenti ed impiegati determinandone la retribuzione;
i) compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell’Associazione che non siano spettanti all’Assemblea dei soci, ivi compresa la determinazione della quota associativa annuale;
l) vigilare sul buon funzionamento di tutte le attività sociali e coordinamento delle stesse.
Ogni Consigliere, disgiuntamente, rappresenta legalmente l'Associazione nei confronti di terzi ed in Giudizio; ogni Consigliere, disgiuntamente, cura l'esecuzione delle delibere assembleari e del Consiglio direttivo. Nei casi di urgenza, ogni Consigliere, disgiuntamente, può esercitare i poteri del Consiglio direttivo, salvo ratifica da parte di questo alla prima riunione utile.

Art. 19
(Pubblicità e trasparenza degli atti sociali)
Oltre alla regolare tenuta dei libri sociali (Assemblea, Consiglio Direttivo, Soci), deve essere assicurata una sostanziale pubblicità e trasparenza degli atti relativi all’attività dell’Associazione, con particolare riferimento ai Bilanci o Rendiconti annuali.
Tali documenti sociali, conservati presso la sede sociale, devono essere messi a disposizione dei soci per la consultazione; chi desidera avere copia dei documenti dovrà farsi carico delle relative spese.

Titolo VI

Art. 20
(Scioglimento)
Lo scioglimento dell'Associazione deve essere deliberato dall’Assemblea straordinaria con il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati aventi diritto di voto. In caso di scioglimento dell’Associazione sarà nominato un liquidatore, scelto anche fra i non soci, che curi la liquidazione di tutti i beni mobili ed immobili ed estingua le obbligazioni in essere.
L’assemblea, all’atto di scioglimento dell’Associazione, delibererà, sentito l’organismo di controllo preposto secondo le previsioni di legge, in merito alla destinazione dell’eventuale residuo attivo dell’Associazione.
Tutti i beni residui saranno devoluti ad altre Associazioni che perseguano finalità analoghe oppure a fini di pubblica utilità e comunque a fini di utilità sociale, fatta salva diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 21
(Clausola compromissoria)
Qualsiasi controversia dovesse insorgere fra gli associati - o loro aventi causa - e l'Associazione, tale controversia sarà devoluta ad un Collegio arbitrale di Probiviri composto da 3 membri, di cui due, nominati dalle parti, ed il terzo, che fungerà da Presidente, dai primi due, o, in caso di disaccordo, dal Presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti di Bologna.
Gli arbitri decideranno ex bono et aequo senza vincoli di procedura e con giudizio inappellabile.

Art. 22
(Rinvio)
Per quanto non espressamente contemplato dal presente Statuto si rimanda alla normativa vigente in tema di associazioni non riconosciute.

Vai alla scheda di iscrizione

"GLI ASSOCIATI"

Per partecipare attivamente alla vita dell'Associazione basterà semplicemente iscriversi compilando la scheda predisposta.

Sono previsti 2 diversi tipi di associati:

FUNCOOLERS
DEMENTI RILEVANTI
in funzione del ruolo che ciascuno vorrà o potrà ricoprire.

Vai alla scheda di iscrizione

"I BENEFITS"

In pratica gli Associati di tipo

FUNCOOLERS

hanno accesso ad alcuni BENEFITS, che potrete vedere in dettaglio al momento della vera e propria iscrizione, mentre gli Associati di tipo

DEMENTI RILEVANTI

forniranno direttamente o indirettamente supporto o contributi alle attività dell’Associazione con diverse motivazioni

(libere donazioni per beneficiare di sgravi fiscali, puro mecenatismo, Crowdfunfing oppure semplicemente per palesi meriti artistici o accademici).

Vai al Login
  • Paolo Brego

    "Al funerale di Baudelaire un acquazzone estivo mise in fuga buona parte dei pochi presenti... Ma “Les Fleurs” profumano ancor oggi. Ciao freak..."

    Paolo Brego.

  • Mirko

    "Non ho parole, non ho parole, non ho parole ma... in certi casi è meglio non averne." E non incazzarti se potrai leggere tutto il bene che ora scrivono di te giornali che poco o niente prima ti hanno considerato. E so che lo faresti."

    ;-) Mirko.

  • Giuseppe Perna

    "Eh si ci lasci cosi'... col tuo insuccesso latente, con la tua cultura irriverente, con la tua genialità demente !!!"

    Giuseppe Perna

  • Omar Monti

    Hai fatto bene ad andare...in Italia non c'è gusto ad essere intelligenti!"

    Omar Monti

Sostenete l'Associazione

Se siete già iscritti, effettuando il login potete accedere direttamente alla pagina degli Associati (siano essi Funcooler o Dementi rilevanti) per:
1-Aggiornare i vostri dati
2-Pagare direttamente la quota annuale di Iscrizione all'Associazione
3-Fare (a vostra discrezione) una donazione
4-Prendere visione (in anteprima) delle iniziative in corso
5-Segnalare e/o inviare materiali (foto, video, disegni, oggetti) che possano essere inseriti nell'Archivio di Freak
6-Proporre iniziative a ricordo di Freak.

Contribuite alla crescita della comunità
Iscrivetevi all'Associazione

Se invece non siete ancora iscritti, ecco l'occasione per dare un senso tangibile al vostro 'amore' per Freak

Partecipate ai progetti in memoria di Freak