ANNO III d.F.!

...per divulgare il grande patrimonio culturale di Roberto Freak Antoni

Memorial Book
Pistoni Roventi

Uno dei tanti gruppi inventati da Freak, i Pistoni Roventi, rappresentavano "Il desiderio che non si può distruggere", e da qui partiamo affinchè quel desiderio continui ad essere fonte essenziale di cambiamento e creatività.

Cosa fa l'Associazione

Realizza in proprio, promuove e collabora a progetti di altri, per continuare nell'opera di valorizzazione del grande patrimonio culturale che ci ha lasciato Roberto Freak Antoni.

Obiettivi

Suscitare e/o provocare nuovo interesse verso quelle culture alternative di ieri e di oggi, centro e linfa vitale di un qualunque sistema sociale alla ricerca di una propria identità, così care a Freak!

L'inizio di tutto!!!

Skiantos e Stagioni del rock Demenziale (fine anni 70) sono le tracce seminali

  • Il Robespierre del rock Italiano

    Astro Vitelli, esempio esemplare dei suoi tanti personaggi

  • Il più grande Poeta del suo condominio...

    ...riconoscimento ampiamente meritato.

  • Ironikontemporaneo

    Ovvero l'evoluzione della specie!

responsive devices

L'ASSOCIAZIONE!

L’Associazione, costituita dalla famiglia di Roberto e con alcuni dei tanti amici di Freak, sarà aperta a tutti, senza scopo di lucro. Una grande comunità capace di generare un percorso di autofinanziamento con diverse modalità:

donazioni dirette, crowdfunding, concerti, asta di oggetti appartenuti a Freak, sponsor, merchandising, riedizioni di libri e dischi, etc. .

Come iscriversi
responsive devices

I progetti dell' Associazione

Cosa ci piacerebbe realizzare, ma anche quello che è già stato fatto!

La pagina dei progetti!

Gli Aforismi di Freak

"Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti"
(seguirà il dibattito)

Nel '91 Antoni ha raccolto poesie, aforismi, riflessioni e appunti vari in alcune antologie del suo pensiero...è stato definito il più grande poeta del suo condominio

Fortuna

La Fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo (...e alle volte prende pure la mira)



Grazie di essere venuto...gli disse lei dopo due ore


Nella vita è importante che gli altri ti vengano incontro, così sai da che parte spostarti.


Dubbi

È importante avere dubbi! Solo gli stupidi non ne hanno, e su questo non ho dubbi!


Ama il prossimo tuo come te stesso! Ma se io mi detesto?


Perdite

Fai bene a lasciarmi, anch'io fossi in me mi lascerei.


Grazie dei fiori, anch'io ti farò un mazzo così.


Fondo

Si dice che una volta toccato il fondo non puoi che risalire. A me capita di cominciare a scavare.


Se sei muto ridi con gli occhi, se sei cieco ridi con la bocca. Se sei muto e cieco c'è ben poco da ridere.


Se c'è una cosa che non sopporto è la presunzione di chi crede di essere migliore di me.

Notizie, Info, Eventi

  Records da 1 a 7 di 7
FREAK OFF
Stasera, Cinema Orione (via Cimabue 24, BO) ore 21 con Orchestra Giovanile BenTiVoglio, Emiliano Bernagozzi, Fabio "Dandy Bestia" Testoni, Carlo "Cialdo" Capelli, Michele Mellara, Alessandro Rossi, Francesco Merini, Eros Drusiani, Graziano "Ciano" Marani, Gianluca Morozzi, Andrea Setti, Nicola Bagnoli, Moreno Spirogi, Cesare Ferioli, Yu Guerra, Riccardo Pedrini, WU Ming2, Ironikontemporaneo, Voodoo Sound Club (Guglielmo Pagnozzi, Davide Angelica, Reda Zine, Salvatore Lauriola, Danilo Mineo, Gaetano Alfonsi), Marco "Visita" Marcheselli...
11/02/2016
Velostazione
Un nuovo murale, firmato da Luca Barcellona, abbellisce la sala all'ingresso della velostazione di Bologna, Dynamo, ispirato al celebre motto del funambolo Philippe Petit "I limiti esistono solo nell'anima di chi e' a corto di sogni". Fa parte di un progetto piu' ampio, dal titolo "Largo all'avanguardia", che vedra' gli studenti dell'Isart realizzare un bassorilievo dedicato a Roberto Freak Antoni, indimenticato leader degli Skiantos. "L'opera di Barcellona qualifica questo spazio alla velostazione, inaugurata lo scorso anno - ha spiegato Matteo Lepore, assessore del Comune - Il mio sogno adesso e' di inserire, se la sovrintendenza accettera', una scritta al neon sulla velostazione con la frase di Freak Antoni"
01/02/2016 13:02:25
Una Tesi su Freak
Chiara Righi qualche giorno fa si e' laureata presso l'universita' di Bologna, facolta' di Lettere e Beni Culturali, con una tesi in "Fenomenologia dell'arte contemporanea" intitolata, guarda caso, "IL RAPPORTO TRA GLI SKIANTOS, FREAKANTONI E L'ARTE D'AVANGUARDIA" con Silvia Grandi Relatore e Oderso Rubini Correlatore...pregevole testo con argomentazioni approfondite...brava Chiara!!! Freak approva!
28/11/2015 13:48:34
L'INCONTENIBILE FREAKANTONI
Ristampato nella sua edizione originale (Five Records in One Box) e in edizione limitata (300 copie) lo strampalato ma come al solito illuminante progetto del 1981: L'Incontenibile Freakantoni
15/04/2015
GLI ALTRI OTTANTA
Bellissima serata sabato sera al Macao di Milano in occasione della presentazione del libro di Livia Satriano "Gli Altri Ottanta". Grazie a tutti gli artisti interpreti di versioni straordinarie di brani di Freak (Frigidaire Tango, Johnny Grieco, Miss Xox e Federico Fiumani), ma anche agli altri ospiti (Roberto Manfredi, Massimo Giacon, Giancarlo Onorato, Davide Toffolo) e un abbraccio a Livia e Marco...poi ho razionalizzato una piccola idea: ospitare tutte le versioni che gia' sono state fatte e quelle che in futuro saranno realizzate in una sorta di collana dedicata a Freak: The Freak's Basement vol. 1, 2, 3 ecc. Un personale e piccolo tributo a Freak, ma anche un contributo e alla vita dell'Associazione WeLoveFreak...
01/06/2014
FREAKBEAT
Un road-movie emiliano alla ricerca del 'sacro Graal' del Grande Beat: il nastro perduto di una mitica session fra l'Equipe84 e Jimi Hendrix... Impossibile? Forse. Ma Freak Antoni, l'intellettuale demenziale, il teppista soffice, ci crede al punto da trascinare sua figlia Margherita su un vecchio furgone Volkswagen alla ricerca della mitica reliquia sonora. La ricerca del nastro e' un pretesto per non arrendersi al cinismo e alla sterilita' dell'Italia di oggi, per riaffermare il valore dell'utopia e dell'immaginazione, per creare un ponte generazionale tra Freak e sua figlia, alla quale il nostro eroe cerca di trasmettere qualcosa di se'. Durante il viaggio la coppia incontrera' personaggi storici del Grande Beat italiano, in una sorta di caccia al tesoro dall'esito incerto. Freak e Margherita arrivano fino all'unico uomo che puo' davvero sapere qualcosa: Maurizio Vandelli, che dopo una session con Freak rivelera' l'ultimo indizio. Il film e' un tour psichedelico e demenziale, contrappuntato da una colonna sonora che raccoglie il meglio del beat italiano, spesso proposto attraverso videoclip che sono altrettante tappe del viaggio. La piovosa campagna emiliana e' lo sfondo della ricerca, tra rosette alla mortadella e cascinali perduti nella nebbia.
'Freakbeat' non e' un documentario e non e' un film di finzione, e' un esperimento: e' il tentativo di raccontare in modo leggero e imprevedibile, quell'impalpabile follia anticonformista che, nata negli anni '60 sulle tracce della rivoluzione intelleauale della Beat Generation, continua ad essere alla base della non‐omologazione di intere generazioni, che sono 'beat' anche senza saperlo. 'Freakbeat' si muove assolutamente nell'oggi, senza nostalgie, ma con la consapevolezza che l'utopia e la fantasia sono ingredienti essenziali da contrapporre al funzionalismo arido che troppo spesso tenta di dominarci. Luca Pastore
28/05/2014
PREMIO TENCO 2010 A FREAK
Il Premio Tenco come operatore culturale, un premio solitamente riservato a personaggi di fama internazionale, e' stato assegnato quest'anno a Roberto Freak Antoni con la seguente motivazione: "Per aver introdotto nella canzone italiana , soprattutto insieme agli Skiantos, il concetto di "demenziali'" poi entrato nel linguaggio comune, sovvertendo cosi' le monolitiche certezze di una cultura tanto spesso autoreferenziale. Il salutare scandalo che suscito' ha prodotto nella comunicazione musicale inedite forme di intelligenza, influenzando tante esperienze successive e determinando l'apparizione di nuovi possibili confini espressivi".
12/11/2010

Freak

  • Paolo Brego

    "Al funerale di Baudelaire un acquazzone estivo mise in fuga buona parte dei pochi presenti... Ma “Les Fleurs” profumano ancor oggi. Ciao freak..."

    Paolo Brego.

  • Mirko

    "Non ho parole, non ho parole, non ho parole ma... in certi casi è meglio non averne." E non incazzarti se potrai leggere tutto il bene che ora scrivono di te giornali che poco o niente prima ti hanno considerato. E so che lo faresti."

    ;-) Mirko.

  • Giuseppe Perna

    "Eh si ci lasci cosi'... col tuo insuccesso latente, con la tua cultura irriverente, con la tua genialità demente !!!"

    Giuseppe Perna

  • Omar Monti

    Hai fatto bene ad andare...in Italia non c'è gusto ad essere intelligenti!"

    Omar Monti

Sostenete l'Associazione

Se siete già iscritti, effettuando il login potete accedere direttamente alla pagina degli Associati (siano essi Funcooler o Dementi rilevanti) per:
1-Aggiornare i vostri dati
2-Pagare direttamente la quota annuale di Iscrizione all'Associazione
3-Fare (a vostra discrezione) una donazione
4-Prendere visione (in anteprima) delle iniziative in corso
5-Segnalare e/o inviare materiali (foto, video, disegni, oggetti) che possano essere inseriti nell'Archivio di Freak
6-Proporre iniziative a ricordo di Freak.

Contribuite alla crescita della comunità
Iscrivetevi all'Associazione

Se invece non siete ancora iscritti, ecco l'occasione per dare un senso tangibile al vostro 'amore' per Freak

Partecipate ai progetti in memoria di Freak